La modulazione di ampiezza

La modulazione di ampiezza è uno dei sistemi utilizzati per trasmettere informazioni utilizzando un segnale a radiofrequenza. Spesso viene abbreviato in AM (dall’inglese Amplitude Modulation).Consiste nel modulare l’ampiezza del segnale radio che si intende utilizzare per la trasmissione (detto portante) in maniera proporzionale all’ampiezza del segnale che si intende trasmettere (modulante). Il segnale modulato ha la stessa frequenza della portante.
È piuttosto semplice da realizzare ed è perciò stata utilizzata agli albori delle trasmissioni radio. Nel caso della trasmissione binaria, così come in telegrafia, ad una potenza bassa corrisponde lo zero mentre ad una potenza alta corrisponde l’uno. I principali inconvenienti sono l’estrema sensibilità ai disturbi ed alle condizioni di propagazione, in quanto qualsiasi disturbo si va di fatto a sommare direttamente al segnale che si sta trasmettendo, e la poca efficienza che richiede l’uso di potenze maggiori per coprire le stesse distanze.

La modulazione di ampiezza si realizza applicando il segnale portante in alta frequenza all’ingresso di un amplificatore (a transistor, JFET, ecc…) caratterizzato da una amplificazione.
Il segnale modulante, è inserito nell’amplificatore in modo da rendere l’amplificazione direttamente dipendente dall’ampiezza del segnale. Ciò consente di ottenere un segnale con la stessa frequenza della portante ma con ampiezza variabile proporzionalmente al segnale modulante.
I modulatori usati sono il Modulatore di collettore, realizzato con un amplificatore a transistor, e il Modulatore quadratico realizzato con un amplificatore a JFET.
La demodulazione o rivelazione è un operazione che consente di estrarre, da un segnale modulato in ampiezza, l’informazione in bassa frequenza. Nell’operazione di demodulazione si realizza una conversione di frequenza che a partire dallo spettro del segnale AM permette di ricostruire il segnale in banda base.
La demodulazione è, normalmente, realizzata utilizzando un dispositivo non lineare, che nella maggior parte dei casi è un diodo, seguito da un filtro passa basso in grado di ricostruire l’inviluppo del segnale AM.
Il rivelatore che trova le maggiore applicazione pratica è il rivelatore d’inviluppo a diodo.

Fonte Web

 

Iscrivetevi qui: https://www.facebook.com/groups/144106259526846/

Questa voce è stata pubblicata in Mondo CB, Mondo Radioamatori, Radiotecnica. Contrassegna il permalink.