Rete Radio Montana: Un progetto utile.

Si tratta di un progetto che ha lo scopo, attraverso le comunicazioni radio, di aumentare la sicurezza di coloro che frequentano le montagne. I partecipanti in tutta Italia sono dotati di apparecchiature radio del tipo PMR-446 tutte sintonizzate sul canale 8-16 con le quali possono scambiarsi a vicenda informazioni e aiuto in situazioni dove le comunicazioni attraverso i normali cellulari possono essere problematiche.

Il progetto è sorto su iniziativa di alcune persone appassionate di montagna e di comunicazioni. Esso va a coadiuvare i consueti canali di attivazione del soccorso alpino e di tutte le autorità preposte alla salvaguardia della vita in ambiente montano. La Rete Radio Montana fornisce un valido supporto anche in tutte le questioni che possono essere utili all’escursionista e non solo: da informazioni meteo, a suggerimenti sulla sentieristica, agibilità dei rifugi, e via discorrendo.

Uno degli esempi migliori dell’utilità di questo progetto lo si può leggere nel sito ad esso dedicato, là dove si racconta l’esperienza di una situazione che poteva diventare molto pericolosa ben gestita da parte di un operatore di Rete Radio Montana. Si può leggere l’articolo qui.

Ad ogni operatore viene assegnato un identificativo formato da una sigla che rappresenta la regione (ad esempio JULIET per l’Umbria, INDIA per la Toscana, LIMA per il Lazio e via disccorrendo) e un numero progressivo.

Attualmente viene proposta una frequenza radio di libero uso in banda PMR-446 (UHF), unificata a livello nazionale, impiegata per l’interscambio di informazioni di sicurezza tra più persone durante le attività outdoor. La potenzialità della rete è direttamente proporzionale al numero di utenti attivi contemporaneamente in un’area geograficamente ristretta. Il CANALE 8-16 (Canale 8 + Codice CTCSS 16) corrisponde alla frequenza radio 446.09375 MHz con applicazione del tono subaudio (CTCSS) 114.8 Hz.

(Fonte Web: Si ringraziano i colleghi della R.R.M. per le info qui riportate. Si ringrazia R.R.M. nella persona di Simone Lucarini, Fondatore e il Responsabile del progetto. Si ringrazia AGC per la foto )

Questa voce è stata pubblicata in Curiosità, Mondo CB. Contrassegna il permalink.