Modi Digitali, a cura di Pietro Vona (seconda parte)

Una volta che si ha l’interfaccia,si puo’ operare con tutti i programmi digitali,facendo i dovuti settaggi e abilitando dove e’ preposto la lingua italiana per facilitare la comprensibilita’ e la manovrabilita’.

Adesso parliamo di ROS,programma concepito per essere letti con bassi segnali e tanto rumore.Il digitale sopperisce alla fonia avendo queste caratteristiche.In tutti i programmi va dato il Call,il Name ed eventuali dati,tipo antenna,locator e altri inseribili a piacere.Nei programmi ci sono dei tasti per RX o TX ma anche per preparare stringhe scritte che al pigiare del tasto vanno in TX in automatico.Il ROS ne a tante e tutte impostabili in base alle proprie esegenze.Bisogna ricordarsi,che diversamente dalla fonia,il digitale va fatto avendo poco volume di uscita del PC e poco volume uscita RTX perche’ essendo note di vario genere sono di uno spettro pulitissimo e basta poco per avere il massimo,il troppo volume del suono distorcerebbe e il PC si troverebbe in difficolta’ per decifrare il segnale.Credo che cominciando ci si trova subito a proprio agio.Certo che il discorso vale se c’e’ propagazione,percheì gli italiani sono avversi ai Modi Digitali,mentre all’estero ci vanno a nozze.E questo programma se avete internet al PC vi dice tutti gli operatori che stanno trasmettendo,anche sulle bande HF,pero’ se non li leggete e non vi arriva il suono e’ solo di curiosita’.Buon lavoro 73 de 1OD108.

Alla prossima parleremo di FLDIGI e si accennera’ al CW,PSK31,RTTY e tanti altri modi,e questi programmi sono di libero uso e gratis.

Iscrivetevi qui: https://www.facebook.com/groups/144106259526846/

Questa voce è stata pubblicata in Digital Mode. Contrassegna il permalink.